Per le abitazioni, come per gli altri edifici, è sempre più importante il contenimento dei costi energetici con conseguente realizzazioni di involucri edilizi sempre più performanti per quanto riguarda l’Isolamento termico e infissi sempre più “a tenuta stagna” per evitare dispersioni termiche.
Questa condizione, ovviamente, evita di perdere calore in inverno e fresco d’estate ma evita anche una cosa altrettanto importante per il benessere delle persone: il ricambio dell’aria. In casa ci sono innumerevoli fonti di inquinamento o di deterioramento della qualità dell’aria: umidità soprattutto dalla cucina e dal bagno, cattivi odori, VOC da prodotti per la pulizia, peli ed allergeni dagli animali domestici, ….. Se l’aria non viene ricambiata, quindi, la casa si può trasformare in una sorta di camera a gas!
Per cambiare l’aria ovviamente si può semplicemente aprire le finestre più o meno una volta ogni ora per non più di 10 minuti ma questa strategia porta con se l’inutilità di aver speso molti denari per realizzare un buon involucro edilizio molto isolato e porta con se anche il discomfort delle correnti d’aria e di dover costringere le persone a ricordare di aprire le finestre. Per evitare di “buttare dalla finestra” il caldo in inverno ed il freddo d’estate è possibile realizzare piccoli impianti di ventilazione meccanica controllata muniti di apparecchiature apposite – recuperatore di calore – che estraggono aria ricca di inquinanti dagli ambienti casalinghi, ne recupera il calore e la espelle all’esterno e da fuori pesca aria, la filtra per evitare di portare in casa inquinanti esterni come pollini e polvere e recupera il calore che viene recuperato dall’aria che viene estratta da casa: il sistema di condotte aria distribuisce l’aria negli ambienti puliti come soggiorno e camere ed estrae l’aria dalle stanze di servizio come cucina e bagno.
Per realizzare degli impianti di ventilazione meccanica controllata vai alla pagina per le condotte e vai alla pagina dei recuperatori di calore

Condividi